Crea sito

Category Archives: Agorà per il NO

  • -
aa

Il Futuro è nelle Nostre Mani: Assemblea a RitmoLento

Category : Agorà per il NO , Politica

Dopo una lunga ed estenuante campagna, il NO al referendum costituzionale ha trionfato con più di 17 milioni di voti.

La proposta di revisione della Costituzione proposta dal Governo Renzi è stata nettamente respinta alle urne da milioni di cittadini provocando la caduta del governo.

Come RitmoLento e Studenti per il No Bologna abbiamo partecipato alle attività del Comitato per il No. Attività che più di una volta sono state ignorate dai media locali e nazionali nonostante le centinaia di volontari e attivisti che le hanno animate svolgendo banchetti, iniziative, attraversando contestazioni e mobilitazioni (come quella del 27 novembre a Roma) e provando ad aprire spazi di discussione e partecipazione in una campagna elettorale asfissiata dalla presenza mediatica di Renzi e dagli slogan colmi di vuota retorica vomitati dal governo.

aa
Nel dibattito post referendario abbiamo assistito all’immediata volontà dei commentatori politici di incasellare il risultato del Referendum e trasformarlo in consenso per le principali forze di opposizione interne ed esterne al PD.

Il NO del 4 dicembre, però, è stato frutto anche dell’impegno di studenti, lavoratori precari e cittadini che non si sono rassegnati alla chiusura degli spazi di partecipazione, a uno svuotamento della politica nella società e alla logica del menopeggismo.

In questi mesi al contrario abbiamo deciso di spedire un secco No alla riforma provando a innescare nei quartieri, nelle piazze, in scuole e università strumenti di partecipazione e discussione dal basso, sperimentazioni di nuove pratiche di incontro e scambio di opinioni e di condivisione di un percorso collettivo.

Abbiamo deciso di impegnarci nella costruzione di un No sociale che andasse oltre la difesa della Costituzione in quanto tale e provasse a rivendicare una sua reale applicazione, a partire proprio dalle modalità di partecipazione democratica dei cittadini alla vita dei luoghi che attraversano quotidianamente.

Abbiamo organizzato, quindi, le “Agorà per il No”: veri e propri momenti di discussione dei contenuti della riforma pubblici e orizzontali, che hanno coinvolto decine e decine di persone e contribuito a comprendere e mettere a sistema le diverse sensibilità con cui

Ci siamo impegnati per dare la possibilità di votare fuorisede, tramite lo strumento dei rappresentanti di lista, rimediando a diritto che dovrebbe essere garantito dallo Stato ma che vede tanti lavoratori e studenti senza residenza essere impossibilitati a tornare nei propri luoghi di appartenenza per votare.

Più di 3000 persone hanno così potuto votare No a Bologna, oltre 70.000 a livello nazionale, facendo emergere sempre più la necessità di una riforma delle condizioni di cittadinanza.

Abbiamo volantinato nel quartiere, nelle scuole e nelle università, costruendo mobilitazioni territoriali e nazionali, contestando il Ministro Boschi alla festa dell’Unità e il seminario propagandistico a crediti formativi dell’Università di Bologna.

La nostra campagna per il No al referendum delinea un no fortemente diverso rispetto a quello delle principali forze politiche di opposizione.

Non abbiamo costruito il nostro NO contro un governo ma contro la visione della democrazia e degli equilibri istituzionali e contro le politiche che in questi 1000 giorni sono state messe in campo, dalla Buona Scuola al Job’s Act passando per lo Sblocca Italia.

Non a favore di una politica piena di retorica ma lontana dai bisogni della gente ma di una politica fatta dal basso, in grado di entrare nella società e nei suoi luoghi che viviamo quotidianamente ed avere la forza e la volontà di cambiarli e trasformarli.

Il nostro No ha voluto rappresentare quei milioni di giovani e cittadini per i quali la politica oggi non è in grado di delineare un orizzonte di certezze e possibilità.

Per questo il risultato del referendum non ci basta. La riforma è stata respinta ma la realtà sociale in cui viviamo, l’immobilità della politica e la mancanza di spazi di partecipazione realmente inclusivi e decisionali rimangono.

Per questo non ci accontentiamo del risultato ma decidiamo di lanciarci di nuovo, per costruire un reale cambiamento necessario a questo paese e alla vita di tutte e tutti noi. Ci vediamo il 12 dicembre alle 19.00 a RitmoLento, perché ora il futuro è nelle nostre mani!

bbb

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

  • -

Agorà per il No: un grande successo

Tags :

Category : Agorà per il NO

agorà1

Sabato abbiamo svolto la nostra prima Agorà per il No in piazzetta della Pioggia, proprio dietro al RitmoLento. E’ stato un momento partecipato e di successo, in due ore abbiamo coinvolto tantissimi passanti ad ascoltare e discutere insieme a noi le ragioni del No alla riforma costituzionale. Abbiamo stimolato la fame di partecipazione presente in tanti cittadini, studenti e lavoratori di informarsi, scambiare opinioni, fare proposte e lanciare idee su come smontare la propaganda governativa e riaffermare un concetto molto semplice: nel nostro paese abbiamo bisogno di più democrazia, di più partecipazione, abbiamo bisogno che la politica non sia più rinchiusa in un palazzo o in un salotto telivisivo, abbiamo il bisogno di riprenderci la politica e di farla vivere tra la gente, per la gente.

Sedersi in cerchio a discutere apertamente e in modo democratico in una piazza ha incuriosito tanti passanti, ne ha stupiti ancor di più e ha impaurito alcuni. Infatti, nonostante alle nostre spalle fosse schierato un cellulare della polizia mobile con il compito di controllarci e difendere obiettivi “sensibili” la nostra Agorà è stato un grande successo che ripeteremo presto.

VUOI ORGANIZZARE UNA AGORA’ NEL TUO QUARTIERE?
SCRIVI ALLA PAGINA O A 324/9014816

Tra la gente, per la gente, per un 4 dicembre (ri)-costituente!

Studenti per il NO – Bologna
Comitato per il NO al Referendum Costituzionale – Bologna
Arci Bologna

agorà2

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Prova

  • Via San Carlo e le sue storie
    Via San Carlo e le sue storie
  • I giorni della tragedia
    I giorni della tragedia